venerdì 8 giugno 2018


SE LA SINISTRA CONOSCESSE IL PENSIERO DEL FILOSOFO CINESE LAO TZU……
Cecè: amici…sicuramente avrete notato anche voi!
Totò: che cosa?
Cecè: quanta generalizzata diffidenza, nostrana ed anche estera, verso il nuovo governo gialloverde – cioè Lega e Movimento 5 Stelle – guidato dal Prof. Giuseppe Conte.
Giacomo: hai ragione, anche se io preferirei parlare di pregiudizi.  Pregiudizi  non solo italiani, ma anche internazionali. I giornali italiani, ad esempio, l’altro giorno riportavano un editoriale del New York Times dove si leggeva nientedimeno che “l’Italia è in preda a una crisi di nervi, l’Italia ha un Governo orrendo”.
Franco: Io invece non ho ancora compreso le allarmanti preoccupazioni della Bonino – non so se in questa Legislatura sia Senatrice o Deputata -  la quale, intervistata dal quotidiano “la Repubblica” del 5. 6. 2018,  arriva  addirittura a dichiarare : in questi giorni ho paura che non sia ancora finito il più grave attacco alla democrazia rappresentativa, alla Costituzione”. Non ci ha fatto sapere se ha visto dei carri armati nelle piazze e se è a conoscenza  di sommosse nelle Caserme.
Giacomo:  prof. Vezio cosa può dirci in merito?
Vezio: ho l’impressione che la Sinistra, nonostante la pesante sconfitta elettorale del 4 marzo di quest’anno, non abbia ancora iniziato a riflettere sui motivi che hanno indotto milioni di  elettori a non fidarsi più delle sue promesse. Una Sinistra che non ha avuto nemmeno l’accortezza di  attendere che il nuovo Governo entrasse nella pienezza dei suoi poteri una volta ottenuta  la fiducia delle due Camere e l’emanazione del primo provvedimento prima di venire a parlarci, così come ha fatto la Bonino, del “più grave attacco alla democrazia rappresentativa”.     Detto ciò rispondo all’amico Giacomo invitando:
- la Sinistra a riflettere sull’insegnamento del filosofo cinese Lao Tzu che quando ci ricorda che: “quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla”;
-la Sinistra e la Bonino con le sue allarmanti e rumoreggianti affermazioni, a riflettere anche loro  con il filosofo Lao Tzu quando ci invita a meditare  sul  fatto che “fa più rumore un albero che cade che un’intera foresta che cresce”
 (Dai dialoghi svolti al Circolo della Concordia)
gcastronovo.blogspot.it
 Giuseppe Castronovo


domenica 3 giugno 2018



I  MESI  DELL’ANNO  IN  FILASTROCCA
(Giugno)
Spighe d’oro e papaveri in pugno:
tra canti di cicale il biondo Giugno.

Giugno va beato
di spighe inghirlandato.

In Giugno, in bene o in male,
c’è sempre un temporale.

A Giugno con gli amici
andiamo sulla bici.

gcastronovo.blogspot.it


mercoledì 30 maggio 2018



                                               MANICOMIO ITALIA
 ILPROF. SAVONA DAL MINISTERO ALL’ECONOMIA AL MINISTERO DEGLI ASILI NIDO

On. Straccio: collega Cencio …la sai la più recente sulla crisi politica?
On. Cencio: in questo manicomio cosa vuoi che sappia!
On. Straccio: c’è stato, all’insaputa di Salvini,  un incontro tra Il Presidente Mattarella e l’On. Di Maio.
On. Cencio: di cosa hanno discusso?
On. Straccio: Di Maio ha proposto a Mattarella, pur di far nascere il Governo  Lega/Movimento 5 Stelle,
di spostare il Prof. Savona dal ministero all’Economia ad un nuovo Ministero creato proprio per il Prof. Savona.
On. Cencio: di che Ministero si tratta?
On. Straccio: Di Maio, visto che è sfumato l’ipotizzato “Reddito di Cittadinanza” ,  ha proposto a Mattarella di creare il Ministero degli Asili Nido con portafoglio  con la proposta del Movimento 5 Stelle   “asili nido gratis per tutti”. E, dulcis in fundo, affidarlo proprio al prof. Savona per le sue competenze economico /finanziarie.
 On. Cencio: Salvini che ne dice?
On. Straccio: Di Maio ha garantito a Mattarella che riuscirà a convincere Salvini della bontà della proposta.
On. Cencio:   quindi dal reddito di cittadinanza  agli asili nido gratis per tutti. Se son rose fioriranno!!
gcastronoov.blogspot.it

martedì 29 maggio 2018


                                        SGARBO  ISTITUZIONALE
Il Dr. Cottarelli non ha sentito il dovere istituzionale– l’avrà concordato con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella? -  di consultare nemmeno le forze politiche presenti in Parlamento dopo aver ricevuto
l’incarico di formare un nuovo Governo ma di presentarsi direttamente alle Camere per chiedere la fiducia.
E’ UNO SGARBO, NON SOLO DI STILE, CHE POTREBBE PESARE NON POCO NELLA SOLUZIONE DELL’ATTUALE CRISI POLITICA.
Prof. Vezio
(Dai dibattiti svolti al Circolo della Concordia)

Giuseppe Castronovo